Presidio dei vigili del fuoco prorogato al 31 dicembre

Presidio dei vigili del fuoco prorogato al 31 dicembre

Il presidio diurno dei vigili del fuoco di Amatrice prorogato al 31 dicembre 2024. La notizia è stata ufficializzata nelle scorse ore trovando la piena soddisfazione dei sindacati Cgil, Cisl, Uil e Confsal. A pesare sulla decisione probabilmente la funzione di sicurezza svolta dal presidio negli ultimi anni.
Solo nel 2023 il personale dei Vigili del fuoco ha effettuato circa 300 interventi di varie tipologie. Tra i più rilevanti soccorso persona, incendio sterpaglie, incidenti stradali, assistenza recupero beni e tanti altri. In questa fase il presidio risulta ancora più strategico dal punto di vista del soccorso, considerando il numero di incidenti sul lavoro in continuo aumento la presenza diventa ancor più fondamentale per il numero dei cantieri edili ancora aperti nell’area, in continua evoluzione ed espansione, per un soccorso tempestivo ed efficace nel minor tempo possibile, il ruolo svolto dai Vigili del fuoco diventa determinante. “Siamo molti soddisfatti per il risultato ottenuto – ha detto Massimo Rinaldi, segretario provinciale Fns Cisl -. Il nostro lavoro e le nostre rivendicazioni sono riusciti ad ottenere quello che abbiamo sempre voluto, cioè la proroga del presidio nel territorio di Amatrice. Mi sento di ringraziare in particolar modo il sindaco di Amatrice, Giorgio Cortellesi, per il ruolo che ha avuto in questa decisione, ma anche gli altri sindaci della zona, le istituzioni, al nostro direttore regionale vigili del fuoco Ennio Aquilino e al comandante vigili del fuoco di Rieti Domenico Petrizza per la disponibilità avuta. In attesa che il potenziamento di Posta dalla carta diventi realtà con lo sblocco dei lavori della nuova caserma, era fondamentale prorogare invece la vita del presidio diurno di Amatrice con le cinque unità che durante il giorno effettuano un lavoro straordinario sul territorio” ha concluso Rinaldi.