Niente televisione per i residenti della Valle del Turano

Niente televisione per i residenti della Valle del Turano

Guardare la televisione appare una impresa per la stragrande maggioranza dei residenti della Valle del Turano a causa della mancata o scarsa ricezione del segnale tv. A farsi carico delle rimostranze è l’Associazione ValTurano Terra nostra. “Una situazione non più sostenibile – spiega il presidente Mario Pompei – in quanto provoca ovviamente “un allentamento” dei necessari e indispensabili rapporti tra il capoluogo di provincia e le istituzioni che in esso insistono con i cittadini e le altre istituzioni presenti nel territorio interessato. Così come tale problematica è altrettanto presente per le attività economiche che non possono essere pubblicizzate nella Valle turanense e quindi ne subiscono un danno economico”. Per Pompei analogo discorso “può essere anche fatto per la gran parte delle televisioni regionali ben visibili nella città capoluogo ma non nel territorio in questione”.
In relazione a questi problemi, l’Associazione ValTurano Terra Nostra chiede agli enti preposti “di adoperarsi direttamente o tramite soggetti da loro individuati affinché vengano adottate misure atte a consentire la fruizione del segnale televisivo proveniente dalle emittenti in questione (ponte TV o altro) anche ai cittadini turanensi che hanno i medesimi diritti dei residenti in altre zone sotto questo aspetto più fortunate. Anche tramite il nostro incaricato, ingegnere Mario Simonetti, l’associazione rimane a disposizione dei destinatari della presente per fornire ogni forma di collaborazione possibile e utile alla soluzione della problematica segnalata nonché per ricevere cortesi e gradite notizie in merito. L’augurio è che tale disservizio possa essere sollecitamente risolto grazie alla collaborazione di chi ne ha la possibilità” conclude il presidente Mario Pompei.