Alla scoperta del buio, corso di accompagnamento disabili visivi in grotta

Alla scoperta del buio, corso di accompagnamento disabili visivi in grotta

Alla scoperta del buio: corso di accompagnamento disabili visivi in grotta, organizzato dal Gruppo speleologico “Shaka Zulu Club Subiaco” in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Roma e per la provincia di Rieti, autorizzato dalla Direzione Generale Educazione, Ricerca e Istituti Culturali (info Gabriele Catoni cell: 348 875 1277 email: [email protected]). Il corso si terrà questa domenica dalle 9,30 al Museo Archeologico del Cicolano a Corvaro (nella foto) e alle Grotte di Val de’ Varri per una simulazione pratica fino alle 18, con l’obiettivo di fornire i mezzi per poter accompagnare persone con disabilità visiva approfondendo le tematiche relative all’accompagnamento nell’ambito speleologico. Si compone di una parte teorica ed una pratica, è aperto a tutti, anche a coloro che non hanno una specifica conoscenza delle tecniche di accompagnamento. Docenti qualificati all’insegnamento delle tecniche didattiche per non vedenti accompagneranno i partecipanti per tutta la giornata: Giammario Mascolo, Psicologo e Istruttore per non vedenti, consulente delle attività del Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia in diversi eventi dedicati a persone con disabilità visiva e Francesca Licordari, funzionario archeologo SABAP area metropolitana di Roma e provincia di Rieti, esperta nella didattica per ciechi. Dopo la registrazione dei partecipanti, la prima lezione alle 10 “Nozioni base sulla disabilità visiva e inquadramento normativo” e proiezione slide, nella sala conferenze del Museo, seguirà la lezione “Problemi sull’accompagnamento in grotta e loro soluzione ottimale”, alle 12 “Strumenti per l’esplorazione dell’ambiente”. Dopo una breve pausa si prosegue alle 12,40 con “Cenni sul metodo della scrittura Braille”. Alle 13 pausa pranzo. Alle 15,30 “Situazioni pratiche di accompagnamento in grotta suborizzontale con simulazione”. L’iscrizione ad erogazione liberale (40 Euro sono le spese) comprende: il materiale didattico in formato elettronico, la copertura assicurativa, la possibilità di assistere alle sessioni, l’utilizzo del materiale tecnico, oltre alla gestione di segreteria ed amministrativa e l’accesso alla grotta. Non comprende il vitto che comunque sarà in struttura convenzionata. Obbligatorie scarpe a forte scolpitura, abbigliamento da montagna adatto alla stagione e possibilmente casco e luce.

Francesco Sammarco