Museo civico: nel biennio 2022-2023 ingressi in aumento

Beatrice Masci
19/02/2024

Museo civico: nel biennio 2022-2023 ingressi in aumento

Il Museo Civico di Rieti, nel biennio 2022-2023, ha registrato un aumento delle presenze di visitatori rispetto al biennio 2018-2019:  4.917 visitatori a fronte dei 2.438 dei due anni precedenti alla pandemia.

Anche gli incassi dei periodi presi in considerazione segnano un aumento passando dai 10.956 del periodo 2018-19 ai 14.303 del 2022-23, dato ancora più significativo tenendo conto delle numerose situazioni in cui è stato permesso l’ingresso gratuito.

A gennaio il Museo civico ha incassato solo 84 euro

A evidenziarlo è l’amministrazione comunale, sottolineando come  “la maggioranza degli ingressi è comunque da attribuire alle attività didattiche che il Museo offre alle scuole del territorio. Accessi che, dopo il periodo pandemico, hanno registrato una ripresa (+6,6%). L’interesse e l’entusiasmo con cui la scuola partecipa alle attività museali è ancor più dimostrata dall’aumento delle convenzioni che negli ultimi anni il Museo ha stipulato con gli istituti scolastici”.

Manutenzione impianto riscaldamento, chiuse Biblioteca Paroniana e sezione archeologica Museo Civico

“Da notare, inoltre, un consistente incremento di visitatori stranieri (+141%), che se da un lato può trovare spiegazione nell’aumento della popolazione studentesca non di nazionalità italiana, dall’altro può farsi derivare dal turismo lento, che vede la presenza di stranieri sul territorio organizzati in piccoli nuclei provenienti soprattutto dal nord Europa”, evidenzia ancora il Comune.

Storia, arte, archeologica, territorio: al via la rubrica sui social del Museo civico e del Comune

Spiega l’Assessore alla Cultura Letizia Rosati: “Noi stiamo immaginando un Museo casa di tutti ed evento sociale in un’ottica di politiche museali innovative che vedranno, grazie ai fondi del Pnc – Next Appennino, la creazione del Museo diffuso con una serie di servizi digitali e di accoglienza non solo nelle due sedi storiche ma anche nei luoghi di pregio di proprietà comunale quali il Teatro, l’Oratorio di S. Pietro Martire e il piano nobile del Palazzo Comunale che sarà musealizzato.