Von der Leyen “Lavoriamo alle riforme per Ue a oltre 30 Stati”

Von der Leyen “Lavoriamo alle riforme per Ue a oltre 30 Stati”

STRASBURGO (FRANCIA) (ITALPRESS) – “I cuori di milioni di ucraini si sono riempiti di speranza e di gioia quando abbiamo annunciato l’apertura dei negoziati di adesione. Il popolo ucraino ha combattuto duramente per raggiungere questo obiettivo, non solo sul campo di battaglia ma anche attraverso il lavoro delle sue istituzioni democratiche. Nel giro di pochi mesi hanno approvato nuove leggi per ampliare i diritti delle minoranze nazionali, migliorare il sistema giudiziario e garantire controlli ed equilibri al potere”. Lo ha detto la presidente della Commissione Europea, Ursula Von der Leyen, intervenendo al Parlamento Europeo riunito in sessione plenaria a Strasburgo.
“La scorsa settimana il Parlamento ucraino ha approvato in prima lettura il disegno di legge sulle lobby che ridurrà il potere degli oligarchi. Questi sono risultati significativi – ha aggiunto Von der Leyen -. Le istituzioni democratiche ucraine stanno dando seguito non solo alle nostre raccomandazioni, ma anche alle aspirazioni del loro popolo. Un’intera nazione ci sta dimostrando quanto l’Europa significhi per loro. E sono orgoglioso che la nostra Unione abbia risposto all’appello dell’Ucraina”.
“Adesso dobbiamo dare seguito alla decisione politica che abbiamo preso al Consiglio europeo. In preparazione ai colloqui di adesione, stiamo avviando il processo di screening e mettendo insieme il quadro negoziale. E nel frattempo inizieremo anche a lavorare sulle nostre riforme, per preparare un’Unione di oltre 30 Stati membri. All’ultimo Consiglio europeo abbiamo anche deciso di avviare i negoziati di adesione con la Moldavia e con la Bosnia-Erzegovina, una volta soddisfatti i criteri necessari. Abbiamo concesso lo status di candidato alla Georgia – ha proseguito la presidente della Commissione -. E abbiamo confermato il nostro impegno collettivo per un futuro in cui tutti e sei i partner dei Balcani occidentali facciano parte della nostra Unione. Ma come funzionerà nella pratica un’Unione composta da oltre 30 paesi? Solo noi, all’interno dell’Unione Europea, possiamo rispondere a questa domanda. Quest’Aula ha già avanzato idee coraggiose per una riforma dei nostri Trattati. Il mese prossimo la Commissione esporrà le sue idee in una comunicazione al Parlamento europeo e al Consiglio, prima dell’approvazione dei leader”.
“L’ultimo Consiglio europeo ha dimostrato la volontà politica di restare al fianco dell’Ucraina per tutto il tempo necessario. Ma dobbiamo sostenere questa decisione con finanziamenti adeguati. Abbiamo proposto di garantire finanziamenti stabili e consistenti all’Ucraina nei prossimi quattro anni per sostenere il funzionamento quotidiano dello Stato, stabilizzare l’economia e avvicinarla alla nostra Unione – ha detto ancora Von der Leyen -. E tutto ciò richiede un bilancio UE aggiornato. Non si tratta solo dell’Ucraina. Si tratta di competitività; riguarda la migrazione; riguarda il nostro sostegno ai Balcani occidentali; si tratta di solidarietà quando colpiscono disastri naturali, come inondazioni e incendi. Queste sono priorità che condividiamo collettivamente. E sono fiducioso che una soluzione a 27 sia possibile”.

– Foto: Agenzia Fotogramma –

(ITALPRESS).