“PretenDiamo legalità”, la Polizia incontra gli studenti della provincia

“PretenDiamo legalità”, la Polizia incontra gli studenti della provincia

Anche quest’anno, la Polizia, avvalendosi della collaborazione del Ministero dell’istruzione e del merito, ha avviato il progetto “PretenDiamo legalità”, giunto alla settima edizione e rivolto agli alunni delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado.
La finalità del progetto è di alimentare incontri e dibattiti, momenti di riflessione e confronto con il personale della Polizia di Stato per diffondere tra i banchi di scuola la cultura della legalità e del rispetto delle regole nella vita quotidiana, favorendo la diffusione di valori sociali quali l’amicizia, lo sport, l’inclusione e la solidarietà, fondamentali per la crescita dei cittadini di domani.
Nella provincia di Rieti, la prima fase del progetto, al quale hanno aderito numerosi istituti scolastici, è stata avviata lo lunedì 5 febbraio. Personale specializzato dell’Ufficio minori e vittime vulnerabili della Questura ha incontrato, nel corso della settimana, gli alunni della Scuola primaria di Leonessa e di Poggio Bustone e della Scuola secondaria di primo grado di Poggio Nativo e di Poggio Moiano. Di diritti e doveri, di uguaglianza ed inclusione, di pace ed amicizia, di rispetto dell’ambiente si è parlato con i più piccoli, mentre con i ragazzi delle scuole medie sono stati affrontati i temi del cyberbullismo, della sicurezza sulla rete e della violenza di genere.
Gli incontri proseguiranno la prossima settimana con gli alunni della scuola secondaria di primo grado di Scandriglia, del liceo artistico “Antonino Calcagnadoro” e con numerose classi dell’istituto di istruzione superiore “Gregorio Da Catino” di Poggio Mirteto.
Per le scuole secondarie di primo e secondo grado, il progetto ha come testimonial d’eccezione il “Commissario Mascherpa”, protagonista della serie a fumetti pubblicata dal mensile ufficiale “Polizia Moderna”, personaggio impegnato in indagini avvincenti ed esempio di vita condotta all’insegna della legalità al quale i ragazzi potranno ispirarsi nel realizzare i loro elaborati.