Altri due episodi di violenza in carcere, Sappe: “Siamo stanchi di subire aggressioni”

Altri due episodi di violenza in carcere, Sappe: “Siamo stanchi di subire aggressioni”

Altri due gravi episodi quelli avvenuti nel carcere di Rieti nella mattinata odierna (8 agosto). A denunciarlo è il sindacato Sappe. “Un detenuto a seguito di una perquisizione ordinaria ha dato in escandescenza dando fuoco ai materassi della propria cella, solo il tempestivo intervento degli uomo e le donne della Polizia penitenziaria ha evitato il peggio, ma nonostante tutto, un poliziotto ha dovuto far ricorso alle cure del Pronto soccorso per il troppo fumo tossico inalato. Sempre nella mattinata un altro detenuto, al quale a seguito di altra perquisizione ordinaria sono state rinvenute nella propria cella diverse pasticche di psicofarmaci, con la scusante di stare male si è recato presso la locale infermeria ed ha minacciato le due infermiere di turno con una lametta occultato tra le mani, pretendendo da queste ultime la somministrazione di terapia”.
“Oramai poter svolgere i propri doveri presso la Casa circondariale di Rieti sta diventando una vera e propria impresa – denuncia il sindacato Sappe – ad ogni minima iniziativa presa dalla Polizia penitenziaria diventa pretesto da parte dei detenuti di inscenare situazioni di protesta” scrive Sappe, primo sindacato di Polizia penitenziaria.
“Siamo stanchi di subire – aggiunge il sindacato – intervengano i vertici lo stato non riesce a rispondere ai continui attacchi provenienti da delinquenti senza scrupolo”.