Dimensionamento, l’assessore regionale Manuela Rinaldi: “Nessuna scuola verrà chiusa”

Dimensionamento, l’assessore regionale Manuela Rinaldi: “Nessuna scuola verrà chiusa”

Nessuna volontà della Regione di tagliare le scuole reatine. Questa la sintesi dell’intervento dell’assessore regionale ai Lavori pubblici, Manuela Rinaldi, dopo i timori emersi nell’ultimo tavolo in Provincia con i sindacati dove si è discusso del dimensionamento scolastico in provincia di Rieti.
“Partiamo da un assunto. In provincia non verrà chiusa nessuna scuola. Quello emerso in questi giorni è un falso allarme. Dimensionamento non significa assolutamente chiusura, semmai riorganizzazione e miglioramento. Sono state dette cose non vere – ha detto Rinaldi -, partendo dagli istituti che andrebbero accorpati che non sono tre, ma due. Questo c’è scritto nel piano della Regione. Un piano che applica una direttiva del governo”.
L’assessore Rinaldi poi entra nel vivo del problema.
“La direttiva del governo impone un accorpamento di ben 90 direzioni, noi come Regione siamo riusciti a contenere il numero arrivando a 53. Un lavoro difficile che comunque conferma la nostra volontà intervenire il meno possibile. In provincia di Rieti sono previsti nel prossimo triennio sette accorpamenti, due nel 2024. Ma oggi nessuno è in grado di dire quanti saranno realmente. A gennaio in Regione si aprirà un tavolo di discussione con Provincia e sindacati e in quella sede si discuterà sul come intervenire sulle scuole primarie tenendo presenti alcuni parametri. E non è escluso che alla fine verrà accorpato un solo istituto e non due. Oggi non possiamo dirlo, quindi questi allarmi ora non hanno ragion d’essere e comunque sia chiaro, nessuna scuola verrà chiusa. In provincia già ora ci sono tante direzione ad interim ed eventuali accorpamenti potrebbero anche semplificare e migliorare la situazione, sia per i presidi che per gli alunni”.
Dimensionamento non significa chiusura e nemmeno spostamenti.
“Gli alunni nel caso di accorpamento resteranno nella loro scuola, verrà accorpata la dirigenza semmai”.
Il ministro Valditara nei giorni scorsi ha spiegato la ratio della legge che mira a riorganizzare il mondo della scuola risparmiando 88 milioni di euro.
“Una somma che verrà reinvestita sulla scuola – continua l’assessore Rinaldi in una logica di miglioramento sia della didattica che delle strutture scolastiche”.
A Rieti intanto il presidente della Provincia, Roberta Cuneo, continua i suoi incontri separati con i protagonisti della vicenda. Giovedì scorso sono stati ascoltati i sindacati e nei prossimi giorni, sempre separatamente verranno ascoltati presidi e sindaci del territorio. Alla fine è probabile un incontro congiunto dal quale far uscire un documento unico da portare poi a gennaio al primo tavolo della Regione dove verrà affrontato il tema del dimensionamento delle scuole primarie della provincia.