Primo viaggio in Blues per i pendolari: “Adesso aumentare il numero dei treni bimodali”

Primo viaggio in Blues per i pendolari: “Adesso aumentare il numero dei treni bimodali”

L’attesa è finita e il sogno per tantissimi pendolari di poter raggiungere Roma in treno si è avverato. Questa mattina, infatti, come anticipato dal Corriere di Rieti ieri, ha debuttato il primo treno bimodale (Hitachi Blues) nella tratta Rieti-Terni-Roma. La partenza alle 6,10 con arrivo a Roma un’ora e quaranta minuti più tardi. La notizia si è subito diffusa e ha finito con il dividere gli utenti in favorevoli e scettici. Una cosa è certa: il nuovo servizio una volta entrato a regime anche con gli altri due treni destinati alla tratta reatina unitamente agli interventi sulla linea per velocizzare i tempi di percorrenza, garantirà il viaggio su rotaia verso la capitale in 80 minuti. In attesa che questo si concretizzi in tempi rapidi, i pendolari sono pronti a sperimentare il nuovo viaggio. “Speriamo che tutto fili liscio e soprattutto si intervenga al più presto sulla linea per accelerare i tempi di percorrenza” sottolineano i pendolari. Al momento a entrare in funzione sarà un solo bimodale con doppia alimentazione (diesel ed elettrica) mentre per l’entrata in funzione delle batterie per ridurre l’emissione di anidride carbonica quando i treni entreranno in città si dovrà attendere la fine della sperimentazione.