Basket B Nazionale, la Npc dopo nove sconfitte di fila ritrova il sorriso contro Caserta: 69-67

Basket B Nazionale, la Npc dopo nove sconfitte di fila ritrova il sorriso contro Caserta: 69-67

La Npc dopo nove sconfitte di fila ritrova il sorriso grazie alla vittoria sulla Juve Caserta: 69 a 67 per i reatini al termine di una gara vibrante giocata davanti a pochi intimi al PalaSojourner.

Partita che inizia sottotono e con molte imprecisioni da ambo le parti. Rieti e Caserta si fronteggiano a viso aperto ma gli attacchi latitano. Il primo quarto finisce 16 – 17.

Meglio la seconda frazione, più frizzante. Nonostante due azioni offensive che si infrangono sul muro casertano, la NPC con Da Campo e una bomba di Cassar riesce a portarsi sul +5. Vantaggio che però dura poco, a 3:30″ dalla sirena lunga i campani con un break di 0 – 10 si portano loro sul +5. È una tripla di Markovic a regalare a Rieti il pareggio 32 – 32. Dopo i due punti di Mastroianni, i due di Markovic le squadre vanno al riposo sul 36 – 38 per Caserta grazie al canestro di Mei sulla sirena.

Terzo al via con una trama molto simile a quella dei secondi dieci minuti. NPC Rieti e Juve Caserta lottano punto a punto, con sorpassi e controsorpassi. Per Rieti i migliori Markovic e Da Campo. La frazione chiude sul 47 – 46.

L‘ultima frazione si apre con un Tecnico a coach Francesco Ponticiello. Una bomba da tre di Caserta a 7:35″ dalla fine porta i campani sul +5. Time out NPC. A 1:46″ dal termine la bomba (+ fallo subito) di Cassar rianima il PalaSojourner e permette ai reatini di pareggiare e poi di andare sul +1. Ma nel capovolgimento di fronte tripla di Caserta che torna sul +2, poi i liberi per Rieti riportano la partita in parità 67 – 67. Finale al cardiopalma. Rieti vince su Caserta 69 – 67.

 

NPC RIETI – JUVE CASERTA 69-67

NPC RIETI: Cassar 14, Cusenza 12, Da Campo 15, Melchiorri 2, Markovic 22, Bacchin 4.

JUVE CASERTA: Lucas 4, Alibegovic 13, Sergio 3, Mehmedoviq 12, Mastroianni 11, Mei 8, Paci 12, Hadzic 2, Butorac 2.

NOTE: Prima del match è stato osservato un minuto di silenzio per ricordare Mara, tifosa amarantoceleste prematuramente scomparsa, e per ricordare le donne vittime di violenza.