Giorno ricordo, Mattarella: “Italiani esuli in Patria, colpiti perchè contro dittatura comunista”

Agenzia Vista
09/02/2024

(Agenzia Vista) Roma, 09 febbraio 2024
“”La ferocia che si scatenò contro gli italiani in quelle zone non può essere derubricata sotto la voce di atti, comunque ignobili, di vendetta o giustizia sommaria contro i fascisti occupanti; il cui dominio era stato -sappiamo- intollerante e crudele per le popolazioni slave, le cui istanze autonomistiche e di tutela linguistica e culturale erano state per lunghi anni negate e represse”. “Le sparizioni nelle foibe o dopo l’internamento nei campi di prigionia, le uccisioni, le torture commesse contro gli italiani in quelle zone, infatti, colpirono funzionari e militari, sacerdoti, intellettuali, impiegati e semplici cittadini che non avevano nulla da spartire con la dittatura di Mussolini. E persino partigiani e antifascisti, la cui unica colpa era quella di essere italiani, di battersi o anche soltanto di aspirare a un futuro di democrazia e di libertà per loro e per i loro figli, di ostacolare l’annessione di quei territori sotto la dittatura comunista”. Lo ha detto il Presidente della Repubblica in occasione del Giorno del Ricordo delle vittime delle Foibe.
Fonte video Quirinale
Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev